DISORDINI TEMPOROMANDIBOLARI E BRUXISMO

I disordini temporomandibolari (TMD) sono patologie che colpiscono l’articolazione temporomandibolare (ATM) ed i muscoli masticatori. Essi costituiscono la principale causa di dolore orofacciale di natura non-odontogena (cioè, non causato dai denti).

I pazienti con TMD lamentano spesso rumori all’articolazione della mandibola e dolore ai muscoli della faccia e/o nella zona al davanti o vicino all’orecchio. Talvolta, può essere difficile persino aprire correttamente la bocca senza sforzo o senza dolore. Inoltre, possono essere presenti altri sintomi, quali cefalea o nevralgie.

Varie teorie, spesso assurde, sono state proposte per giustificare i più disparati approcci alla terapia dei TMD. Molte di esse non hanno fondamento anatomico: basti pensare alle infondate ipotesi di correzione dell’occlusione dentale per “curare” i disordini temporomandibolari.  Si leggono addirittura post pubblicitari con promesse di cure odontoiatriche per problemi quali cefalea, mal di schiena, dolori al collo! Per questo motivo, l’iter diagnostico e terapeutico per i TMD è spesso fonte di frustrazione sia per il paziente che per il curante neofita. Infatti, la fusione di competenze multidisciplinari è un requisito fondamentale per un approccio a tali patologie basato su evidenze cliniche scientifiche.

Oggi, ci sono pochi dubbi sul fatto che i disordini temporomandibolari siano una patologia “artrosica” da sovraccarico. Il bruxismo nella forma di serramento dei muscoli masticatori e la tensione emotiva ne costituiscono i principali fattori causali. Conseguentemente, essi rappresentano l’obiettivo primario per una corretta gestione del paziente. Al contrario, il ruolo dell’occlusione dentale è stato completamente sminuito. Quindi, tutte le terapie ortodontiche, protesiche, e di finalizzazione occlusale sono state ampiamente giudicate inidonee dalla letteratura di alto livello.

In questo sito dedicato ai disordini temporomandibolari, il cui curatore dal novembre 2013 è stato costantemente classificato al primo posto nel ranking mondiale degli esperti in materia dall’agenzia di valutazione scientifica Expertscape (ed al terzo posto per il bruxismo), professionisti e pazienti troveranno molte informazioni utili su:

  • diagnosi dei disordini temporomandibolari
  • terapia dei disordini temporomandibolari
  • evidenze scientifiche disponibili in letteratura
  • consigli pratici

Visita il profilo del Prof. Daniele Manfredini su Linkedin

Registrati su Linkedin al Gruppo di Studio Italiano Disordini Craniomandibolari